La maestosa cattedrale di San Giovanni a Ragusa fu costruita agli inizi del XVIII secolo a seguito del terremoto del 1693 che la rase al suolo.

Per la ricostruzione venne scelta la parte nuova di Ragusa, su un luogo differente rispetto a quello in cui sorgeva prima:

precedentemente la chiesa era situata nella parte occidentale della città a ridosso del castello (a seguito del sisma quasi interamente distrutto).

La cattedrale di San Giovanni a Ragusa
Facciata principale della cattedrale di Ragusa.

La cattedrale di San Giovanni a Ragusa

Con il suo grande sagrato costituisce il principale centro di aggregazione sociale e fulcro della vita cittadina;

l’imponente facciata la rende una delle più grandi chiese della Sicilia:

è divisa in cinque parti accompagnate da altrettante finestre e delimitate da colonne con capitelli in stile corinzio.

Il lato sinistro ospita un campanile, alto circa 50 metri.

La Cattedrale di San Giovanni a Ragusa

Per quanto riguarda l’interno, scopriamo una pianta a croce latina:

Dalla cupola filtra una timida luce mentre le tre navate ospitano le quattordici colonne in pietra pece ragusana.

Lateralmente dei piccoli altari di marmo sono protetti da graziose cappelle.

TORNA A Cosa vedere e visitare a Ragusa                                   VAI A Monumenti importanti della Sicilia