Il tempio di Castore e Polluce ad Agrigento è sicuramente l’emblema della città.

Del V sec. a.C., è dedicato a Càstore e Pòlluce, due degli Argonauti.

Conosciuti anche con il nome di Diòscuri, parteciparono alla ricerca del Vello d’oro.

tempio di castore e polluce ad agrigento

Il Tempio di  Castore e  Polluce ad Agrigento

Mito di Castore e Polluce

Il termine Diòscuri significa letteralmente “figli di Zeus”.

Si riferisce ai due fratelli gemelli nati dall’unione fra il re dell’Olimpo e Leda, moglie del re di Sparta Tindaro.

Secondo la mitologia, Zeus, invaghitosi di Leda, si trasformò in cigno e la sedusse:

dalla loro unione ella partorì due uova dalle quali nacquero, da un parte Pòlluce ed Elena (futura causa della guerra di Troia);

Dall’altra Càstore e Clitennestra. Questi ultimi, però, nacquero a seguito della successiva unione di Leda con il proprio marito Tindaro.

Così solo Pòlluce, a differenza del fratello, divenne immortale.

Struttura del Tempio di Castore e Polluce

Il tempio è andato quasi interamente distrutto:

rimane intatta solo parte della trabeazione che si eleva sopra quattro colonne che furono ricomposte e risistemate nel XIX sec.

Anche in questo tempio, come negli altri, le colonne presentano le classiche striature lungo il corpo e terminano con capitello il stile dorico.

Originariamente il tempio ne contava 34, mentre per quanto riguarda la dimensione, misurava 34 x 15,86 metri.

Era, come gli altri, orientato a oriente, direzione in cui sorge il sole ed era periptero esastilo cioè presentava lungo la facciata (il lato corto) lo schema tipico di sei colonne.

La trabeazione è molto decorata: il tempio nel suo complesso doveva essere molto ornato.

Non solo disegni e sculture decorative, ma soprattutto elementi con valenza simbolica:

teste di leone rappresentate lungo gli angoli che servivano a placare e scacciare le forze del male;

oppure delle piccole palme che propiziavano il trionfo e la vittoria.

In base allo stato dei ritrovamenti, si ipotizza che il tempio sia sorto su un precedente luogo sacro:

si tratta del santuario delle divinità Ctonie, cioè Demetra, Persefone e Dionisio.

Nelle vicinanze del tempio, infatti,  si trovano due altari che si discostano dallo stile proprio della Valle dei Templi:

un primo altare di forma quadrata, la cui funzione era probabilmente quella dei sacrifici in onore della divinità;

un altro di forma circolare, con un pozzetto centrale. Quest’ultimo era invece utilizzato per il formale rito delle acque.

Vai a COSA VEDERE AD AGRIGENTO

Vai a COSA VEDERE IN SICILIA